Ricerca
 
 
Sikh in Italia
 
Sikhismo
 
Newsletter
 
 
News in home page
 
Area riservata
Username
Password

 
Credits
SelfComposer
 
 
Quinto Guru
/images/files/01072009143516354118.jpg
GURU ARJAN DEV JI SACRIFICIO 1563-1606 (Quinto Guru)

PADRE

Guru Ram Das Ji

MADRE

Bhani ji

DATA DI NASCITA

04/15/1563

LUOGO DI NASCITA Govindwal, Amritsar
MOGLIE

Ganga Ji

BAMBINI Har Gobind Sahib Ji
ETÀ, ANNO & TEMPO A GURGADHI

09/01/1581, 25 year

REGIMI

Akbar & Jahangir

CONTRIBUTO BANIES Sukhmani Sahib, BarahMaha, Bava Akhri & 2312 Shabads in 30 Rags
ETÀ 43
JYOTI-JOTIL GIORNO

05/30/1606

JYOTI-JOT IL POSTO

Lahore

 

Arjan fu' il terzo figlio di Guru Ram Das.Venne al mondo il 15 di aprile il 1563 a Goindwal.
Un poeta per eccellenza,un filosofo per suo diritto,un costruttore e un grande organizzatore.Fu' anche il primo martire della storia dei Sikh.Questo fu' Guru Arjan.Anche nei primi anni evidenzio' segni di grande promessa,fedele nei suoi ideali e una mente bilanciata verso i suoi detrattori,uno dei quali suo fratello maggiore,Prithi Chand,che fece di tutto per fargli del male per usurpargli il trono,che pero' fu' ripagato con nient'altro che con perdono e carita',L'altro fratello di Guru Arjan,Mahadev,era un recluso e pertanto incapace a succedere al padre.
Seppure i Sikhs si mantennero per Guru Arjan mandandogli offerte sia da vicino che da lontano,queste erano intercettate da Prithi Chand,quindi niente arrivava al Guru,anche se assegno' tutte le entrate della casa a suo fratello maggiore,per lui e la cucina comunitaria dipendeva solo dalle offerte dei fedeli.
Per salvaguardarsi,il Guru appunto' i piu' stretti e fiduciosi fedeli in vari luoghi per raccogliere le offerte dei fedeli,fu' richiesto da ora in avanti di dare il dieci per cento dell'entrate dei Sikhs,per ragioni comunitarie.Queste collette erano da offrire al Guru il giorno di Bhaisakhi,ossia il 15 di aprile giorno commemorativo della nascita di Guru Nanak,di ogni anno da agenti del Guru.
Nel Cuore della citta' di Amritsar,Guru Arjan fece costruire un Gurdwara,popolarmente consciuto ora come “TEMPIO D”'ORO” aperto ai quattro lati per significare che era aperto a tutte le quattro caste e a genti di tutte le parti del mondo.
Si dice,che chiese al santo Mussulmano Sufi,Mian Mir,di posare la prima pietra.Dopo il Guru eresse due citta',una di nome Taran Taran e l'altra Kartarpur nel distretto di Jullandar rispettivamente.Intorno ai Gurdwara di queste citta'il Guru fece costruire due grandi laghi perche' la gente potesse bagnarsi e tenersi meticolosamente puliti.
Quando nel 1595 Guru Arjan divenne padre di un figlio,Prithi Chand che sperava che il Guru essendo senza figli,il trono passasse a lui o a suo figlio.Comincio' a indugiare su un vile intrigo.Prima provo' ad'avvelenare il figlio del Guru,pero' una volta che il suo piano falli',egli si associo' con il governatore mussulmano di Jullandar Sulhi Khan e lo incito' ad'attaccarlo.Pero' Sulhi mori' nelle piu' tragiche circostanze.Anche quando un ministro dell'imperatore Akbar,di nome Bir Bal impose una tassa ai Katris di Lahore,e loro,capeggiati dal Guru rifiutarono di pagare,Bir Bal minaccio' un attacco armato,che pero' non maturo' essendo egli ucciso in un'altra spedizione.Ora il Guru si adagio' ad'una vita di pace e compilo' il Guru Granth Sahib.Egli aveva gia' dato ai suoi Sikh un posto centrale di preghiera,ossia il Darbar Sahib “la Corte del Signore” che come gia' detto viene riferito oggi come il “Tempio d''Oro”.Quindi egli organizzo' la congregazione”Sangat”sotto i missionari”masands” molto piu' effettivamente che prima,fece obbligatorio ai Sikhs di dividere con gli altri.
Nel frattempo,Jahangir l'imperatore mogul di Delhi,ascoltando voci che riportavano l'influenza del Guru,non solo fra gli indu' ma anche fra i mussulmani.Qualche tempo prima qualcuno aveva indicato all'imperatore Akbar che il Guru aveva compilato un libro dove insultava la fede mussulmana,e gli fu' chiesto di leggergli il libro quando fece visita al Guru a Goindwal nel 1598,e quando fu fatto l'imperatore ne rimase compiaciuto e soddisfatto che il Guru avesse una missione di sintesi e non di conflitto e esclusivita'.Pero' l'imperatore Jahangir era fatto di un'altro tessuto e chiese al Guru di cambiare il testo del Granth,includendo le lodi del profeta Mohamed,il Guru rifiuto',nel frattempo in quei giorni il figlio dell'imperatore Jahagir si ribello' contro il padre,e scappo' in direzione di Kabul,durante il viaggio si fermo' al Darbar “Corte del Guru”e come era costume in quelle occasioni,chiese la sua benedizione.Fu' riferito all'imperatore che il Guru aveva assistito a suo figlio con denaro e un marchio fatto con lo zafferano sulla fronte”Tilak”e la sua benedizione per la lotta contro l'imperatore.(E' da premettere qui' che il segno del “tilak”si applicava sulla fronte all'incoronamento di un imperatore o un Guru Sikh)
Tutto questo era naturalmente falso,pero'Jahangir credette a queste storie e che allo stesso tempo voleva eliminare questa persona di cui autorita' continuava a crescere(come lui stesso ammise nella sua biografia,”Tuzak-i-Jahangiri,”pag.35) ordino' l'immediato arresto del Guru,le sue proprieta' confiscate dallo stato,e fu' affidato nelle mani del governatore di Lahore,Murtaza Khan e torturato a morte.Fu' fatto sedere su una piastra incandescente,docciato con acqua bollente e docciato con sabbia incandescente.
Il santo sufi suo amico lo visito' e gli disse che se lui accettava di cambiare il Granth,le sue torture sarebbero terminate,Lui invece ringrazio' i suoi torturatori mettendo in risalto il ringraziamento a loro che lo avevano provveduto con un posto cosi' agiato per la sua meditazione.Dopo aver nominato suo figlio Har Gobind come suo successore,G uru ji fu' portato al fiume Ravi il 30 maggio del 1606 per un bagno.Il suo corpo straziato dalle piaghe si dissolse nelle acque del fiume.Cosi' fu' il primo martire della storia SIKH.